DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE

Avere problemi con l’alimentazione non significa avere mancanza di appetito o, al contrario, essere incapaci di controllare la fame.

Anoressia e bulimia sono solo due dei più noti tra i disturbi del comportamento alimentare, in gergo clinico noti come DCA, che possono essere curati solo attraverso un’efficace percorso terapeutico.

Per giungere alla risoluzione di questi problemi, consentendo alla persona bulimica di smettere con le abbuffate e a quella anoressica di nutrirsi senza vivere dilanianti conflitti interiori, occorre infatti affidarsi a specialisti nel trattamento dei DCA.

Un’efficace terapia che possa condurre alla riduzione dei sintomi dell’anoressia e della bulimia può coinvolgere anche esperti di diverse branche della medicina, dallo psicologo al gastroenterologo, dal medico curante all’endocrinologo oltre al contributo del dietologo o del nutrizionista.

Sulla base della peculiare situazione della persona che manifesta il disturbo del comportamento alimentare, si potrà definire il percorso più adatto. Per curare i disturbi del comportamento alimentare a Torino o nella provincia di Torino potete prendere appuntamento presso il Centro Psicologia e Psicoterapia Torino, telefonando al numero 329 0361601.

Riconoscere ed affrontare i disturbi del comportamento alimentare

I disturbi del comportamento alimentare sono patologie in costante aumento non solo nella popolazione femminile, che colpiscono sempre più frequentemente individui giovani, anche giovanissimi, di entrambi i sessi.

Per avere un valido aiuto nella cura dei disturbi del comportamento alimentare a Torino o nella provincia di Torino è possibile affidarsi al Centro Psicologia Psicoterapia Torino. Tra i diversi disturbi classificati sotto la categoria dei DCA rientrano l’anoressia nervosa, la bulimia nervosa, il picacismo, l’obesità e il disturbo da alimentazione incontrollata o Binge Eating Disorder.

1) Disturbi del comportamento alimentare: anoressia nervosa
L’anoressia nervosa, ovvero il disturbo maggiormente diffuso tra i DCA, si caratterizza per il categorico rifiuto del cibo. Il soggetto passa da una alimentazione carente di alcuni alimenti, come i grassi o i cibi considerati troppo calorici, fino al rifiuto totale del cibo.

Chi soffre di anoressia generalmente soffre di problemi metabolici e ormonali, oltre che di gran parte delle malattie dovute alla malnutrizione, con l’aggravante che lo stato di indebolimento generale del fisico causa la diminuzione dei globuli bianchi nel sangue, e di conseguenza rende più predisposti a contrarre infezioni.

Nei soggetti femminili si manifesta l’amenorrea, cioè il ciclo mestruale è assente, nei soggetti maschili si possono avere atrofia testicolare e impotenza, ed entrambi i sessi vivono un forte calo del desiderio.

Ma la persona soffre anche a livello psicologico a causa del calo dell’autostima, della depressione, dell’incapacità di vedere la propria eccessiva magrezza.

Per ulteriori approfondimenti sui sintomi dell’anoressia, si veda Sintomi anoressia.

2) Disturbi del comportamento alimentare: bulimia nervosa
Chi soffre di bulimia nervosa ingurgita smodate quantità di cibo in periodi di tempi relativamente brevi, per poi fare di tutto per non metabolizzare le calorie ingerite.

Il soggetto si provoca il vomito oppure ricorre all’uso dei lassativi o dei digiuni prolungati per bilanciare le calorie introdotte. Questi pazienti possono essere normopeso, leggermente sovrappeso o sottopeso a seconda delle strategie adottate (bulimia nervosa con o senza pratiche di eliminazione).

Ulteriori approfondimenti nell’articolo espressamente dedicato ai Sintomi bulimia.

3) Disturbi del comportamento alimentare: Binge Eating Disorder (disturbo da alimentazione incontrollata)
L’eliminazione distingue i pazienti bulimici dai cosiddetti Binge Eater, ovvero chi soffre di Binge Eating Disorder (o disturbo da alimentazione incontrollata) che generalmente parte da una condizione di obesità.

All’origine di questi disturbi si può spesso individuare la combinazione di un’esperienza fallimentare con le diete (soprattutto fai da te), una bassa autostima e l’erronea convinzione che basterebbe perdere peso per migliorare la propria condizione di vita, pur nella convinzione di essere incapaci di farlo.

Le abbuffate, che avvengono quasi sempre al di fuori de pasti principali, sono generalmente scatenate dall’incapacità di processare altrimenti un’emozione molto forte. Caratteristiche analoghe ha la Sindrome dei mangiatori notturni (NES – Night Eating Syndrome), che si differenzia dalla Sindrome da Alimentazione Incontrollata per il fatto che le abbuffate avvengono di notte.

La Sindrome da Alimentazione Incontrollata o BED (Binge Eating Disorder) rientra a pieno titolo nelle patologie legate al comportamento alimentare. Il BED, che colpisce circa il 30% dei soggetti obesi con una storia dietologica fallimentare tra la tarda adolescenza e i 40 anni, è spesso legato a uno stato di forte depressione del soggetto, sebbene non sia chiaro quale delle due patologie funga da innesco per l’altra.

4) Disturbi del comportamento alimentare: picacismo o allotriofagia
Infine il picacismo o allotriofagia è un disturbo che porta chi ne è affetto a ingerire in maniera continuata e ossessiva sostanze non nutritive e generalmente considerate disgustose come la cenere, il legno, la terracotta, la carta ecc.
Alla base di questo disturbo può esserci una cronica carenza di ferro che porta il soggetto a cercare in natura questo elemento. Tuttavia si instaura una malsana abitudine alimentare che porta a protrarre l’ingestione di questi materiali.

Disturbi del comportamento alimentare Torino: perchè rivolgersi al Centro

I disturbi del comportamento alimentare sono problemi complessi che richiedono di essere affrontati insieme a degli specialisti.

Per ulteriori approfondimenti sulle diverse forme di disturbo del comportamento alimentare, si rimanda alla guida, disponibile nella sezione BLOG del sito del Centro Psicologia Torino, e si invita a contattare il Centro Psicologia e Psicoterapia del dott. Alessandro Lombardo e della dott.ssa Claudia Armillotta, psicologi psicoterapeuti specializzati nella diagnosi e cura dei disturbi del comportamento alimentare, telefonando al numero: 329 0361601

Cercate un aiuto per affrontare i disturbi del comportamento alimentare a Torino o nella provincia di Torino? Il centro psicologia di Torino diretto dal dott. Alessandro Lombardo, presidente dell’ordine degli psicologi del Piemonte da gennaio 2014, rappresenta sicuramente l’eccellenza per la cura dei disordini alimentari in Piemonte.