LOGOPEDISTA
Se state cercando un logopedista a Torino rivolgetevi al Dottor Lombardo

L’attività del logopedista ha conosciuto in anni recenti un’importante rivalutazione e un conseguente aumento della popolarità: oggi sempre più persone si rivolgono a questo professionista per prevenire, curare o riabilitare coloro che hanno difficoltà del linguaggio e della comunicazione.

Se si cerca un professionista logopedista a Torino è possibile rivolgersi al Dott. Alessandro Lombardo, che esercita presso il Centro di Psicologia Psicoterapia a Torino. Qui, insieme alla collaboratrice Dott.ssa Claudia Armillotta, psicologa e psicodrammatista junghiana, riceve i pazienti di Torino e Provincia.

Il termine logopedia deriva del greco: parola composta da ‘logos’, che vuol dire discorso, e ‘paideia’ che vuol dire educazione, l’attività del logopedista è volta a “educare al discorso”.

Solo erroneamente si ritiene che sia necessario rivolgersi al logopedista esclusivamente per i problemi del linguaggio caratteristici dei bambini, come nel caso dell’ormai nota dislessia; al contrario, è possibile rivolgersi al logopedista anche per i problemi della comunicazione in età adulta e geriatrica, ad esempio in seguito a eventi traumatici (ictus, ischemie, traumi cerebrali o psicologici…) o in caso di malattie degenerative legate all’avanzamento dell’età che possono richiedere l’intervento di un professionista logopedista per eseguire una riabilitazione al linguaggio.

Se è necessario rivolgersi a un logopedista a Torino è possibile rivolgersi al Dott. Lombardo del Centro Psicologia Psicoterapia Torino, per risolvere problemi di linguaggio e comunicazione primari o secondari.

1) Il logopedista e i disturbi di linguaggio primari

I disturbi di linguaggio primari sono quelli che si presentano in bambini che, pur in assenza di deficit neurologici, sensoriali, cognitivi e relazionali accertati presentano:

  • un ritardo evolutivo semplice: bambini tra i 24 e i 36 mesi che utilizzano un inventario di suoni e parole limitato (meno di 50) e non le combina in una frase, pur avendo buone abilità di comprensione;
  • disturbi di articolazione: bambini dai 4 anni in su che articolano uno o più suoni verbali in modo anomalo, pur presentando comprensione e produzione linguistica nella norma;
  • disturbi fonologici: bambini che organizzano e combinano i suoni in modo anomalo;
  • disturbi del linguaggio espressivo: bambini con ritardo di articolazione, espressioni poco strutturate, con errori o omissioni grammaticali;
  • disturbi della comprensione del linguaggio: bambini con problemi di comprensione e produzione linguistica:
  • disfluenza: bambini che interrompono, prolungano o ripetono parti di parole (balbuzie), a volte con sforzo e tensione muscolare.

2) Il logopedista e i disturbi di linguaggio secondari

I disturbi di linguaggio secondari sono invece quelli che dipendono da altra patologia (tracheotomia, malattie degenerative) e, per essere risolti, richiedono il coinvolgimento di più figure professionali.

Ci si può trovare in presenza di disturbi di linguaggi secondari:

  • quando, accanto ai disturbi di comunicazione verbali e non verbali, il bambino presenta deficit di simbolizzazione e relazione;
  • quando il bambino presenta ritardo mentale o disturbi psicopatologici (autismo, mutismo elettivo, disturbi pervasivi dello sviluppo);
  • quando il bambino ha subito gravi deprivazioni ambientali (grave scarsità o assenza di stimoli culturali, emotivi e affettivi nell’età dello sviluppo).

Ci si può rivolgere al logopedista in caso di problemi nella fluenza (balbuzie), disturbo della comunicazione di tipo autistico, disturbi legati alla sordità e quindi conseguente difficoltà nell’apprendere il linguaggio. La riabilitazione può riguardare anche soggetti tracheotomizzati.

Questi sono solo alcuni casi che richiedono l’intervento del logopedista. Tra le problematiche maggiormente affrontate sicuramente vi sono i disturbi specifici dell’apprendimento, della lettura e del calcolo, problema che colpisce circa il 5%-7% della popolazione.

Le prime manifestazioni di dislessia e discalculia si possono intravvedere già intorno ai 24 mesi: il fatto che intorno a questo periodo il bimbo abbia padronanza di meno di 50 parole e non sia in grado di combinare correttamente le parole dovrebbe essere un primo campanello di allarme per i genitori. Quindi se il bambino non riesce ad articolare brevi frasi, può essere un segnale di un disturbo da trattare.

Cercate un logopedista a Torino? Il dottor Lombardo da anni svolge questa attività presso il Centro di Psicologia Psicoterapia di Torino. L’attività del logopedista consiste nel praticare terapia volta ad abilitare o riabilitare le persone che hanno difficoltà nella comunicazione. Importante anche l’interazione di tale figura professionale con l’ambiente circostante il paziente e quindi famiglia, scuola, istituzioni, al fine di favorire una migliore comunicazione all’interno dei gruppi sociali di cui fa parte chi si sottopone a logopedia.

Logopedista Torino: perchè rivolgersi al Dott. Lombardo

Il Dott. Alessandro Lombardo non esegue solo attività di logopedista a Torino presso il Centro Psicologia e Psicoterapia, ma si occupa anche di disturbi di personalità e del comportamento alimentare, terapia di coppia, disturbi depressivi. Collabora con aziende private e pubbliche, ad esempio Novartis e con la ASL To1, ASL 14 (zone Verbania, Cusio, Ossola) e con la ASL AL, provincia Alessandria.

E’ possibile rivolgersi al Dott. Alessandro Lombardo, presso il Centro in via Vassalli Eandi 27, nei giorni Lunedì – Martedì: 14.00 – 21.00; Venerdì: 14.00 – 21.00; Sabato: 9.00 – 13.00.

Per ulteriori informazioni è possibile chiamare il numero fisso +39 011 7650224 e cellulare +39 338 4242415, oppure scrivere all’indirizzo email alomalto@gmail.com o info@centropsicologiatorino.com.